Elisa Lavazza

Elisa Lavazza, appassionata fin dall’infanzia di disegno e pittura, dopo un percorso scolastico inizia nel 1985 a pubblicare come illustratrice. Importante per la sua crescita artistica saranno gli scambi culturali con l’artista Dadamaino.
Il percorso artistico di Elisa inizia con la realizzazione di illustrazioni per importanti case editrici italiane per poi giungere alle numerose collaborazioni con Agenzie di advertising internazionali.
Le illustrazioni di Elisa compaiono su riviste, copertine di libri, fascicoli dedicati alla moda, romanzi, ma anche sui muri delle città, sugli autobus, tram e metropolitane consacrandola tra gli illustratori italiani più stimati.
La matita di Elisa Lavazza sa raccontare: non scrive con le parole, le traduce in figure, colori, animazioni. Una illustratrice che ha saputo fare di una passione un lavoro, ad alti livelli. Elisa ha il dono di trasformare i momenti quotidiani in raffinate rappresentazioni.
Così scrive Maurizio Bocassina, sul Corriere della Sera, in occasione della personale allo Spazio Oberdan di Milano nel febbraio del 2013. Ed è proprio alla personale di Milano, organizzata dalla Provincia, che Elisa presenta i suoi primi collage.
Take Bite Enjoy sono realizzati utilizzando i frames disegnati dall’artista, non solo per le numerose campagne pubblicitarie, ma anche per gli storyboards ed animatics.
L’utilizzo di elementi propri dei film pubblicitari fanno da sfondo e si mescolano con un nuovo prodotto artistico che vuole catturare l’attenzione dell’osservatore sul consumo dei prodotti e sulle sensazioni ad esso collegate. La ripetizione del medesimo tema sfrutta i meccanismi della pubblicità: il bombardamento costante delle stesse immagini.

“Attraverso il linguaggio pubblicitario le persone si convincono a comprare quello che il sistema immette sul mercato”.

Senza una solida base del disegno certe difficoltà durante il percorso artistico di Elisa sarebbero risultate insormontabili. La centralità del disegno è propedeutico alla pittura ed è anche il passaggio successivo per una completa formazione che sta portando l’Artista ad una transizione verso l’astratto inteso come studio della luce delle ombre e dell’anima.
L’abbandono del figurativo diventa ora un doloroso ma necessario passaggio per esplorare nuove frontiere e nuove bandiere, più spirituali, espandere il senso della ricerca ed avviare la sua arte ad una trasformazione profonda. Con i nuovi lavori, attraverso la materia e il colore, Elisa simula la natura e in particolare” l’acqua” elemento indispensabile per la vita sul nostro pianeta.
Un’arte visiva che nel proprio fare poetico vuole mostrare ciò che drammaticamente esiste a partire dalla rivoluzione industriale fino ai giorni nostri e definito dagli scienziati Antropocene. Come uno scatto satellitare della Terra lo sguardo indaga attraverso i colori, sui cambiamenti causati dall’uomo a danno dell’ambiente.
“Landscape” sono chiamati i nuovi lavori di Elisa un’arte visiva ed estetica che si sofferma ad osservare le forme mutevoli del nostro pianeta planando sui deserti, ghiacciai, laghi ma anche gasdotti e pompe petrolifere per indagare con grazia la mutazione di questo fragile equilibrio.
Un tema già caro agli artisti del secolo scorso che ponevano la natura protagonista dell’arte. Barry Adams diceva “l’unico mezzo con cui possiamo preservare la natura è la cultura”.
L’arte accompagna l’osservatore a soffermarsi sulla bellezza della Terra e lo sguardo indagatore dell’Artista aiuta a cogliere e denunciare il suo malessere, ci suggerisce che nell’universo tutto è connesso e che servirà anche guarire la nostra anima per guarire il nostro pianeta.

Exhibitions:

2011 – Collettiva “La donna ”Santa Margherita Ligure 2012 – Collettiva “TOI” Leo Burnett , Milano 2013 – Palazzo Isimbardi “Creattive” le donne nell’arte, Milano

2013 – Spazio Oberdan -Personale Elisa Lavazza- 7-20 febbraio 2013, Milano

2013 – Costruire Comunità /Marinella Senatore -Elisa Lavazza 6/10/2013 Castello di Rivoli

2014 – Rivoli-Work -Castello di Rivoli – Work 14/01/2014 2020 – Independent artist -Busto Garolfo-4-31 ottobre 2020

“Street Art” mostra arte contemporanea

2020 – Ambre Associazione -Casale Monferrato 13 /10-8 novembre 2020 mostra arte contemporanea “Hai mangiato?”

2021 – Independent artists -Busto Garolfo – 7-27 marzo 2021 “War drama” mostra arte contemporanea